Home Agricoltura XYLELLA, M5S: EMILIANO ADESSO CHIEDA SCUSA AGLI AGRICOLTORI
XYLELLA, M5S: EMILIANO ADESSO CHIEDA SCUSA AGLI AGRICOLTORI

XYLELLA, M5S: EMILIANO ADESSO CHIEDA SCUSA AGLI AGRICOLTORI

0

Noi otto consiglieri regionali M5S abbiamo accolto con estrema soddisfazione la decisione della Procura di bloccare le eradicazioni. Le indagini dei magistrati si incardinano infatti sulle stesse tesi che abbiamo ribadito da tempo sia in Consiglio regionale che nelle piazze pugliesi e che sono state oggetto della mozione a prima firma Casili votata all’unanimità dal Consiglio solo qualche giorno fa. Una mozione che ha dovuto subire delle modifiche perchè per i vecchi partiti ‘i nostri termini erano troppo forti’. Oggi invece tutti si spellano le mani nell’applaudire i magistrati.

E oggi leggiamo anche dichiarazioni entusiastiche di Emiliano, tuttavia crediamo che il Presidente della regione, con la sua Giunta, dovrebbe solo TACERE.

Emiliano parla di “soddisfazione perchè finalmente qualcuno ha portato delle prove” ma quelle stesse prove le aveva portate il Movimento 5 Stelle in Regione Puglia da mesi, convocando addirittura esperti che ripetevano le nostre stesse tesi. Quali altre prove aspettava Emiliano che il Movimento 5 Stelle non gli avesse portato sotto gli occhi da tempo?

LUI che aveva promesso di SCATENARE L’INFERNO in campagna elettorale contro la Xylella e che non ha fatto nulla se non limitarsi ad istituire un tavolo multidisciplinare sul tema identico a quello proposto dal M5S.

LUI presidente della Regione che ha osato arrivare a COSTITUIRSI CONTRO QUEI POVERI AGRICOLTORI che hanno dovuto subire passivamente la distruzione dei loro terreni e che si “erano azzardati” a fare ricorso.

Dopo aver DELIBERATO PER LE ERADICAZIONI, aver richiesto al Ministero l’ACCELERAZIONE DI QUESTE PROCEDURE, questo dovrebbe essere il giorno della VERGOGNA.

Quelle parole che oggi usano per guadagnare qualche titolo sulla stampa piuttosto le usino per porgere le loro SCUSE AGLI AGRICOLTORI e ai cittadini nei comitati, con le loro decisioni li hanno soltanto umiliati.

#GiùLeManiDaiNostriUlivi