Home Ambiente CERANO. BOZZETTI: SCONCERTANTE ASSENZA DELLA REGIONE ALLA CONFERENZA DI SERVIZI PER IL RILASCIO DELL’AIA
CERANO. BOZZETTI: SCONCERTANTE ASSENZA DELLA REGIONE ALLA CONFERENZA DI SERVIZI PER IL RILASCIO DELL’AIA

CERANO. BOZZETTI: SCONCERTANTE ASSENZA DELLA REGIONE ALLA CONFERENZA DI SERVIZI PER IL RILASCIO DELL’AIA

0

È sconcertante il disinteresse del Presidente Emiliano per le questioni ambientali che riguardano le province di Brindisi e Lecce e pesa come un macigno l’assenza della Regione  alla Conferenza di Servizi che si è espressa  in merito al rilascio dell’AIA per la centrale a carbone Enel di Cerano. E’ la dura presa di posizione del consigliere brindisino del M5S Gianluca Bozzetti vista l’assenza alla Conferenza di Servizi  della Regione Puglia che ha inviato il proprio parere attraverso una missiva di cui non è stato reso noto il contenuto.

 

“Oltre all’invio del parere, ci saremmo aspettati la presenza di un rappresentante della Regione che prendesse finalmente una chiara presa di posizionespiega il consigliere pentastellato – Ci chiediamo se nella missiva fossero indicati gli effetti mortali del particolato secondario, se venissero definite le valutazioni e le prescrizioni in merito agli impatti ambientali e sanitari, se vi fosse una reale presa di posizione sul futuro della centrale anche a fronte dei risultati presentati lo scorso anno a Roma al congresso mondiale di epidemiologia. Tutte domande che ancora una volta rimarranno senza una risposta, a conferma del disinteresse di Emiliano per un’intera provincia che probabilmente non frutta dal punto di vista elettorale. Al di là del singolo parere in conferenza di servizi, fa specie sapere anche di una mancata interlocuzione tra Comune e Regione su un tema che va oltre  l’appartenenza ad una corrente politica – continua Bozzetti –  La tutela della salute coniugata all’occupazione e al rispetto dell’ambiente sono argomenti che andrebbero affrontati in maniera condivisa e partecipata”.

 

Il Comune ha impegnato Enel a realizzare la diminuzione delle emissioni della Centrale di circa 100 tonnellate di polveri all’anno.
La riduzione delle emissioni, richiesta dal Comune di Brindisi, probabilmente si allinea anche con le richieste dell’azienda stessa; questo ci sembra un semplice palliativo e la Sindaca Carluccio dovrebbe saperlo bene visti gli incontri avuti con Enel, i cui contenuti sono però ancora oscuri ai cittadini, alla faccia della trasparenza incalza  capogruppo del M5S Dal canto suo, il Presidente Emiliano, dovrebbe smetterla di fare pura propaganda sulla pelle dei pugliesi. A questo punto gli proponiamo di farsi lui promotore di un tavolo permanente che raccordi l’azienda e tutte le istituzioni interessate per iniziare a definire in maniera concreta la dismissione, la bonifica e la riconversione economica della centrale. Faremo un accesso agli atti per conoscere il contenuto della nota inviata in conferenza di servizi, intanto però auspichiamo che le istituzioni lavorino insieme per mettere un punto definitivo alla questione.