LEGGE XYLELLA. M5S: ISTITUITO ENNESIMO POLTRONIFICIO A SPESE DEI PUGLIESI

0

“Questo pomeriggio è stata approvata una legge che speculando sull’emergenza Xylella ha istituito l’ennesimo poltronificio inutile a spese dei pugliesi questo il primo commento dei consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle che hanno votato contro la legge approvata dal Consiglio regionale.

 

“La legge è frutto di un grande lavoro fatto in commissione che ha portato all’approvazione di 38 emendamenti presentati da noi che hanno contribuito a migliorare il testo iniziale. Tuttavia alcuni emendamenti chiave – dichiarano i cinquestelle –  come l’abrogazione dell’art.11 che istituisce l’agenzia regionale per l’innovazione in agricoltura (ARXIA) sono stati respinti. Per la provincia di Lecce abbiamo chiesto un piano agricolo straordinario e  un monitoraggio per studiare  il comportamento delle cultivar presenti sul territorio e che possono dimostrarsi tolleranti alla fitopatia. La risposta è stata: non ci sono soldi. Dunque ci chiediamo che senso abbia approvare una legge se non ci sono le risorse finanziarie per rispondere alle necessità delle aziende e degli olivicoltori ormai giunti al collasso?

 

Respinto l’emendamento presentato da Rosa Barone che impegnava la Regione a promuovere l’olio salentino in Italia e nel mondo, per smentire la cattiva informazione riguardante l’olio derivante da ulivi colpiti da Xylella, e far capire che  non risente della malattia sia dal punto di vista del sapore che delle qualità organolettiche. Una campagna informativa importante per agricoltori e produttori, che sarebbero stati tutelati dalla Regione nella promozione del loro prodotto.

 

Sono stati respinti anche gli emendamenti presentati dal consigliere Cristian Casili finalizzati ad assicurare alle imprese agricole e a quelle vivaistiche l’accesso alle misure finanziarie di sostegno e all’individuazione di ulteriori risorse per il mancato reddito a causa dei disseccamenti. Ancor più grave la mancata approvazione di un altro emendamento presentato dal consigliere pentastellato che chiedeva priorità nel PSR con riferimento a una serie di misure a sostegno dei territori interessati dalla fitopatia.

 

“Inconcepibile – commenta Casili – come prima del Consiglio il Governo abbia finto di ascoltare il grido di dolore degli olivicoltori e dei sindaci delle zone colpite  che chiedevano con forza un sostegno economico, e successivamente abbia bocciato in Consiglio i nostri emendamenti finalizzati a garantire gli interventi finanziari tanto auspicati”