SANITÀ. CONCA PRESENTA MOZIONE PER INTRODURRE IL BUDGET DI SALUTE

0

 

Introdurre in Puglia il budget di salute, strumento che indica quantità e tipologia di risorse umane, tecnico/professionali, economico/finanziarie e durata degli investimenti necessari per realizzare Progetti Terapeutici Riabilitativi Individualizzati (PTRI) in base alle preferenze espresse dalla persona con malattia cronica e/o disabilità, al fine di puntare alla Recovery del paziente. È l’oggetto della mozione presentata dal consigliere del M5S Mario Conca.

 

Grazie al finanziamento di progetti di vita personalizzati l’ente pubblico non si limiterebbe  più a erogare tariffe per prestazione spiega Conca ma chiamerebbe gli interessati, le loro famiglie, le associazioni non-profit e tutta la comunità ad essere co-produttori e co-responsabili del benessere delle persone segnate da svantaggio”.

 

In questo nuovo modello di governance, si legge nella mozione, il “privato” è un partner che collabora alla costruzione e allo sviluppo di sistemi attivi di protezione sociale, a partire da progetti personalizzati. I PTRI  devono  integrare il progetto di trattamento e di cura con interventi nelle aree dell’abitare, del lavoro e della socialità, richiedendo sia prestazioni sanitarie che azioni di protezione sociale, e devono essere programmati, gestiti e monitorati da personale dell’ASL e degli enti locali, attraverso modalità di cogestione della presa in carico con soggetti del terzo settore, insieme ad utenti e loro familiari.
Si tratta di un sistema continua il pentastellato caratterizzato da un’elevata flessibilità e soprattutto dal non essere legato a un tipo particolare di servizio o ad uno specifico erogatore, un voucher di salute a disposizione dell’assistito e della sua famiglia per una maggiore efficacia e una minore spesa per il sistema sanitario regionale. Avevo già tentato di portare all’attenzione della Giunta questo strumento presentando un emendamento in sede di bilancio di previsione 2017, che purtroppo è stato bocciato. Ci riprovo con questa mozione perché sono convinto che le cure e l’inclusione sociale debbano viaggiare di pari passo per garantire la tutela del diritto alla salute di tutti i cittadini, puntando alla loro Recovery”.