MASSAFRA. RADDOPPIO INCENERITORE. GALANTE: SE NECESSARIO CAMBIARE LA LEGGE PER FERMARNE LA REALIZZAZIONE

0

Non si può continuare a far prevalere gli interessi economici sulla salute dei cittadini. Le istituzioni non possono permettere che in un territorio come quello jonico, dove sono già presenti le discariche più grandi d’Europa e impianti altamente inquinanti, venga realizzato un secondo inceneritore.” questo il commento del consigliere del M5S Marco Galante dopo la sentenza del consiglio di Stato che ha dato il via libera al raddoppio della centrale termoelettrica di Massafra: “se per impedirne la realizzazione va cambiata la legge è compito della politica farlo nel più breve tempo possibile.”
In questi anni siamo sempre stati al fianco dei cittadini nella battaglia contro il raddoppio – continua il consigliere pentastellato – e non possiamo non condividere le loro preoccupazioni per le ricadute ambientali che avrebbe un secondo inceneritore in un’area che già rientra tra quelle “ad alto rischio ambientale”. Si tratta di  un territorio per cui bisogna pensare a piani di risanamento per tutelare l’ambiente e i cittadini e non di certo a costruire un inceneritore che  rischia di solo di andare ad aggravare una situazione ambientale già notevolmente compromessa. Ci auguriamo che la Regione, a differenza di quanto accaduto per TAP, non si limiti agli sloganconclude – ma faccia realmente tutto il possibile per impedire quella che sarebbe l’ennesima ingiustizia ai danni del territorio jonico.”