FSE, lavori di manutenzione sulla rete ferroviaria. Trevisi: Non giustificata la soppressione di tutti i treni sulla linea Maglie – Otranto

0

Sulla linea ferroviaria  Maglie – Otranto non si stanno eseguendo lavori di manutenzione di una portata tale  da giustificare la soppressione di tutti i treni. Il sospetto è che per recuperare i debiti contratti dalla passata gestione si stia tagliando sui servizi. Lo dichiara il consigliere del M5S Antonio Trevisi, che presenterà un’interrogazione indirizzata all’assessore Giannini sui lavori di manutenzione e potenziamento  iniziati lo scorso 26 giugno su tutta la rete delle Ferrovie Sud Est, provocando un drastico taglio dei treni in circolazione che saranno sostituiti dagli autobus.

 

Sono penalizzatecontinua Trevisisia l’utenza barese che quella salentina, per non parlare dei danni al turismo. In questi giorni sono tanti i turisti che arrivano sulle nostre spiagge, costretti ad attendere ore sotto il sole l’arrivo di uno degli autobus sostitutivi. Si ha tutta l’impressione che il  nuovo management   di FSE non tenga conto delle richieste dei lavoratori, ormai stanchi di prestare servizio su treni insicuri e fatiscenti, e delle esigenze del territorio. Basti pensare – continua –  che nelle ore di punta sulla linea Lecce – Gallipoli i viaggiatori sono stipati sulle littorine come bestiame su un carro, e sottoposti a temperature da cottura a fuoco lento, quando basterebbe spostare un ATR da Bari a Lecce per farli viaggiare comodamente. Mi chiedo: è giusto che un territorio, considerato uno tra i più belli al mondo, tratti i suoi visitatori in questo modo?”.

 

Per aumentare il numero di treni, FSE  a settembre del 2016 ha noleggiato  quattro automotrici  FIAT di Trenitalia, in modo da formare due convogli aggiuntivi in servizio sulle linee salentine. “Si tratta di automotrici che dovevano essere demolite e smaltite da Trenitaliaincalza Trevisi – che invece ha trovato il modo di ricavarci su noleggiandole a buon prezzo. Questo dimostra la considerazione che si ha nei confronti degli utenti salentini. È una vera presa in giro perché Ferrovie dello Stato acquisendo FSE aveva il compito di rilanciare il servizio nel Salento, invece è chiaro che a Lecce si punti sul trasporto su gomma, mentre solo nel barese si voglia rilanciare la ferrovia. Il sospetto – conclude – è che si  stiano creando rami secchi per aver poi la scusa per  tagliarli definitivamente, quando invece un servizio ferroviario nel Salento efficiente e adeguato ridurrebbe notevolmente traffico ed inquinamento nonché il pericolo incidenti stradali che sono in crescita proprio a causa del fatto che il trasporto su gomma è ormai l’unico possibile”.