Pdl riorganizzazione RSA. M5S: Lavoreremo per risolvere le criticità del testo approvato in Commissione

0

Approvata oggi in III Commissione Consiliare Sanità la Proposta di Legge “Riorganizzazione delle strutture socio-sanitarie pugliesi per l’assistenza residenziale alle persone non autosufficienti. Istituzione RSA ad alta, media e bassa intensità assistenziale”. Si esprimono in merito i consiglieri del M5S Mario Conca e Marco Galante:

 

Sull’impianto generale della Proposta di Legge ci siamo astenuti perché il testo presenta ancora numerose criticità – spiegano i pentastellati – nonostante sia stato migliorato grazie alle nostre osservazioni recepite dal governo ed agli emendamenti approvati. Tra i punti su cui concordiamo c’è l’introduzione del concetto di voucher anche nelle RSA, come già accaduto nel settore della riabilitazione. Sono diverse  le questioni  su cui cercheremo d’intervenire quando il testo arriverà in aula: tra queste il superamento della divisione delle strutture  e l’introduzione del cosiddetto “minutaggio” per le prestazioni assistenziali.  Riteniamo poi sia assurdo che le  strutture  assumano il personale  con contratti collettivi diversi, creando disparità tra lavoratori che hanno lo stesso ruolo e avendo comunque dalla Regione gli stessi fondi. Non si può lasciare la questione alla discrezionalità dei gestori, per questo lavoreremo per avere maggiore omogeneità di trattamento per tutti i lavoratori: un aspetto che inciderà positivamente anche sulla qualità dell’assistenza.”

Altro punto criticato dai cinquestelle è il fatto che la Regione possa avviare la concertazione con associazioni di categoria che rappresentino almeno 10 soggetti gestori di RSA.

“La concertazione è importante, ci sembra eccessivo un numero di 10 perché creerebbe un cartello e andrebbe a favorire grosse realtà extraregionali a discapito di quelle del territorio.  Su questo aspetto il Governo si è impegnato per rivedere l’articolo. Siamo consapevoli – concludono – che questa sia una legge attesa da tempo perché propedeutica al successivo regolamento della Giunta che completerà  la riorganizzazione della presa in carico e questo è il motivo che ci spinge a cercare di migliorare gli aspetti che presentano le maggiori problematiche”.