Agricoltura, M5S: Inaccettabile non ci siano risorse per monitorare la diffusione del virus della tristeza degli agrumi

0

Quello che abbiamo sentito oggi in audizione non può che preoccuparci. È inaccettabile ci venga detto che la Regione non ha risorse e personale per fare monitoraggi sulla diffusione del virus della tristeza degli agrumi. Monitoraggi indispensabili per attuare un piano di prevenzione”. Lo dichiarano i consiglieri del M5S Rosa Barone, Cristian Casili e Marco Galante a margine dell’audizione  In IV Commissione Consiliare, richiesta dai pentastellati per conoscere lo stato attuale di diffusione del virus e quali siano le misure che la Regione intenda adottare.

Purtroppo ad oggi non esiste un modo per combattere il viruscontinuano i pentastellati che in poco tempo porta alla morte le piante di agrumi colpite. L’unico modo per cercare di arginarlo è prevedere maggiori controlli per evitare l’importazione di piante infette e oggi ci viene detto che non ci sono risorse per attuare un piano di prevenzione efficace”.

Le zone maggiormente colpite dal virus nel periodo tra il 2010 e il 2015 sono state quelle di Massafra e Palagiano (Taranto) che, insieme a Castellaneta e Ginosa, producono circa il 90 per cento degli agrumi dell’intera regione. Secondo le stime di Coldiretti, in provincia di Taranto in 5 anni, dal 2010 al 2015, il virus ha causato una riduzione del 17% nell’estensione degli agrumeti, ossia circa 2.000 ettari.


Le piante colpite dalla forma più aggressiva del virus vengono debellate e poi estirpate – continuano i cinquestelle – con danni economici enormi per le aziende agricole. Nonostante gli ultimi monitoraggi noti risalgano al 2015, ancora oggi non si sa quanti siano gli agricoltori a cui spettano i finanziamenti per gli abbattimenti e quali siano le modalità di erogazione. Purtroppo si tratta dell’ennesima dimostrazione da parte della Regione dello  stato di abbandono in cui versa la nostra agricoltura”.