Taranto, discarica Vergine. M5S: Il Comune presenterà domanda per accedere ai contributi regionali per la bonifica del sito

0

 

Per la bonifica e la messa in sicurezza della discarica Vergine, il Comune di Taranto presenterà a breve domanda per accedere al finanziamento messo a disposizione dalla Regione Puglia per la bonifica delle aree inquinate, cui è destinata la somma complessiva di 65 milioni di euro. Ad annunciarlo è il consigliere regionale del M5S Marco Galante in seguito all’incontro tra i consiglieri comunali pentastellati Francesco Nevoli e Massimo Battista e il vicesindaco di Taranto, Rocco De Franchi.

 

L’amministrazione presenterà la richiesta per la tipologia A, riferiscono i pentastellati che  riguarda “progettazione ed esecuzione di interventi di messa in sicurezza di emergenza, con eventuali misure di prevenzione di siti interessati dalla presenza di sorgenti primarie di contaminazione”, per la quale è previsto un importo complessivo di oltre 24 milioni di euro.

 

La discarica va messa in sicurezza – incalza il consigliere regionale Marco Galante – e per questo torniamo a chiedere all’assessore Caracciolo di convocare urgentemente un tavolo tecnico per discutere della bonifica e della messa in sicurezza del sito.  Ogni giorno emergono nuovi dati sulla presenza di sostanze cancerogene e noi abbiamo il dovere di procedere il prima possibile per sanare una situazione pericolosa per la salute e per l’ambiente.  Il sito deve essere bonificato e chiuso per sempre, nessuno deve pensare di poterlo riaprire.”

 

L’interventospiegano Nevoli e Battistariguarderà la messa in sicurezza della falda che è risultata interessata dal superamento dei valori limite per PCB e benzene. Proprio in relazione a questa problematica nel gennaio scorso l’Associazione AttivaLizzano ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica e sono in corso gli accertamenti conseguenti.”