Agricoltura, danni per l’ondata di gelo. Conca a Di Gioia: Provincia di Bari penalizzata dalla delibera del governo regionale

0

 

Nella delibera per richiedere al Ministero delle Politiche agricole e forestali il decreto nazionale di declaratoria dello stato di calamità naturale riferito alla Provincia di Bari,  in seguito all’ondata di gelo dello scorso gennaio, la Regione non ha indicato “l’eccesso di neve”. Una dimenticanza che  permetterebbe la richiesta di risarcimento per i danni subiti esclusivamente alle colture e non a quelli per le strutture e al per il bestiame.

 

Lo segnala il consigliere regionale M5S Mario Conca, sottolineando come la delibera penalizzi gli agricoltori della Provincia di Bari, dal momento che la “gelata” indicata nel testo, per sua natura non avrebbe potuto causare danni strutturali alle aziende e al bestiame. Conca chiede all’Assessore alle politiche agricole Di Gioia una risposta immediata alla lettera inviata da Giuseppe Caponio e Fabrizio Baldassarre, rispettivamente Assessore all’Agricoltura e Sindaco del Comune di Santeramo, tra i più colpiti dall’emergenza neve, chiedendo “di attivare con urgenza gli uffici preposti al fine di integrare la declaratoria e far recepire al Ministero delle politiche agricole tale integrazione”.

 

“Allo stato attualeè scritto nella nota del Comune di Santeramo differentemente dalle Province di Lecce e Taranto dove invece risultano indicati i danni provocati da “eccesso di neve”, l’errata impostazione della declaratoria riferita alla provincia di Bari non permetterebbe un seguito alle richieste di risarcimento della maggior parte delle nostre aziende agricole e zootecniche danneggiate e che hanno subito danni come il crollo delle stalle, delle serre o la morte del bestiame: gli unici risarcimenti previsti sono quelli alle colture e non per tutte le varietà ma solo per: leguminose, oliveti ed ortaggi a pieno campo”.

“Continueremo a monitorare la situazione – conclude Conca – e non permetteremo che gli allevatori della Provincia di Bari, che hanno diritto a quei risarcimenti vengano penalizzati a causa delle mancanze del Governo.”