SANITÀ, SECONDO EMILIANO SE I PUGLIESI SI CURANO FUORI E’ ANCHE COLPA DI CHI DENUNCIA I DISSERVIZI NEI NOSTRI OSPEDALI

0

 

L’assessore alla Sanità Emiliano oggi ha superato sé stesso: secondo il Presidente se tanti cittadini vanno a curarsi fuori dalla Puglia non è tanto responsabilità sua (che è Presidente di Regione e Assessore alla Sanità) quanto piuttosto dei tanti che, come noi, denunciano e si fanno portavoce delle problematiche che quotidianamente sono costretti ad affrontare i pugliesi che hanno a che fare con il nostro sistema sanitario.

Ed è solo una delle “perle” del Presidentone che, audito questa mattina in I Commissione sull’impatto finanziario del piano di riordino (che, in un report arrivato a giugno dal Dipartimento delle Politiche della Salute, sembra piuttosto la lista delle buone intenzioni ), si è guardato bene dal rispondere alle nostre PRECISE DOMANDE:

-cosa si sta facendo per ridurre gli sprechi nella sanità pugliese, ad esempio quelli per le continue proroghe nelle gare per la ristorazione nella Asl di Bari o per lo smaltimento dei rifiuti ospedalieri?
-quali costi comporterà la realizzazione e la gestione dei nuovi ospedali?

L’apice dell’ipocrisia si è raggiunto quando, parlando di sprechi nella sanità gli abbiamo evidenziato quelli per lo smaltimento dei rifiuti speciali ospedalieri ed Emiliano ci ha detto di NON ESSERNE A CONOSCENZA.

Peccato che l’argomento fosse stato oggetto di un emendamento in Consiglio discusso alla sua presenza su cui garantiva (parola di Emiliano), che ci avrebbero lavorato le strutture e che da mesi abbiamo presentato una mozione che, se approvata, produrrebbe un risparmio di due terzi rispetto alla spesa attuale, garantendo anche maggiore sicurezza ai pazienti.

Ma voi pugliesi che attendete da anni per una radiografia… “non lamentatevi troppo.”