Legge Caccia. Bozzetti: Modifiche chieste dal Governo in linea con nostri emendamenti già presentati e bocciati

0

Approvate in II Commissione le modifiche richieste dal precedente governo nazionale  alla legge regionale “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma, per la tutela e la programmazione delle risorse faunistico ambientali e per il prelievo venatorio”. Si esprime in merito il consigliere del M5S Gianluca Bozzetti:

 

Alcune delle modifiche richieste dichiara il pentastellatoerano contenute in nostri emendamenti che sono stati bocciati sia in Commissione che in Consiglio. Tra queste la più significativa  è senza dubbio la soppressione del comma 11 dell’art. 31, chiesta anche da noi data l’evidente discrasia con un altro comma dello stesso articolo. Riteniamo incomprensibile infatti che il comma 4  dell’art 31  escluda cani e gatti inselvatichiti dai piani di controllo, mentre il comma 11 continua a prevedere che su proposta delle organizzazioni agricole la Regione possa autorizzare piani di abbattimento delle forme inselvatichite di specie domestiche”.

 

“Altro emendamento che avevamo presentato – continua Bozzetti –  riguardava i compensi per i membri del Comitato tecnico regionale faunistico venatorio, per cui chiedevamo fosse riconosciuto solo un rimborso delle spese di trasferta. Oggi la modifica approvata dimezza il loro compenso. Altre due modifiche chieste dal Governo riguardano la definizione dell’atteggiamento di caccia. Come da noi evidenziato durante l’esame della legge, infatti, l’esercizio della caccia comprende non solo l’effettiva cattura o uccisione degli animali, ma anche  ogni atto che che sia riconducibile allo svolgimento dell’attività venatoria”.

 

“I rilievi del Governo  – conclude – dimostrano ancora una volta che il nostro impegno in Commissione e in Consiglio era volto non solo alla tutela della fauna selvatica, ma anche a migliorare la legge dal punto di vista tecnico-giuridico. Avremmo così evitato ulteriori passaggi e confusione in una materia già così complessa”.