ASI #FOGGIA. ANCHE SECONDO ANAC IL SINDACO DI MANFREDONIA NON PUO’ ESSERE PRESIDENTE DEL CONSORZIO MA LUI RIMANE AL SUO POSTO. BARONE SCRIVE A EMILIANO

0

A maggio l’ANAC, al termine del procedimento di vigilanza sulla nomina della Presidenza Asi di Foggia, aveva confermato i dubbi espressi dal M5S, SULL’INCONFERIBILITÀ DELL’INCARICO di presidente del consorzio al sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi.

A quel punto, insieme ai consiglieri comunali M5S Fiore e Ritucci, chiedemmo la rimozione immediata di Riccardi; tuttavia, ad oggi, apprendiamo che la delibera ANAC sarebbe stata INSPIEGABILMENTE ARCHIVIATA dal responsabile dell’anticorruzione dell’Asi Foggia, dott. Marseglia.

Alla luce di questa gravissima situazione, chiedo che la Regione Puglia intervenga tempestivamente al fine di CONTROLLARE L’OPERATO DEL CONSORZIO FOGGIANO e rispettare quanto deliberato dall’ANAC.

Una situazione incresciosa che fa sorgere numerosi sospetti sulla trasparenza e sulla buona fede di chi si ostina, nonostante tutto, a mantenere Riccardi alla presidenza del Consorzio.

I vertici di un ente importante come l’ASI di Foggia devono essere nominati sulla base dei curricula pervenuti e non seguendo logiche di spartizione di poltrone tra i partiti. Il prossimo presidente deve spiccare per i meriti e le capacità imprenditoriali e noi vigileremo affinché questo avvenga.