Bat, piano trasporti provinciale. Di Bari: “500.000 chilometri in meno rispetto a quelli comunicati dall’assessore regionale. Fate chiarezza”

0

Si avvicina il momento delle nuove gare per il trasporto pubblico e si iniziano a vedere i chilometri di percorrenza disponibili che si tradurranno in linee e servizi per i cittadini. Per questo esprimo tutta la mia preoccupazione per il piano dei trasporti redatto dalla Provincia Bat dal quale, per i servizi extraurbani, risultano esserci circa 500mila chilometri in meno rispetto a quelli comunicati dalla Regione. Il trasporto pubblico va incentivato, non ridotto all’osso”. Così la consigliera del M5S Grazia Di Bari, che commenta la previsione per la provincia BAT di 5,899 milioni di chilometri per i servizi extraurbani e 1,988 milioni di chilometri per i servizi urbani.

 

Tali numeri continua la pentastellata –  apparentemente notevoli, non devono distoglierci dal fatto che, riprendendo i dati riportati nelle conferenze di servizi che si stanno svolgendo a livello di tutte le province pugliesi, la BAT sia sostanzialmente ultima tra tutte le province, sia per la disponibilità’ di chilometri extraurbani che per i chilometri urbani. I dati forniti dall’assessore regionale ai trasporti non coincidono perfettamente con quelli che si possono desumere dal piano provinciale attualmente in esame. La domanda a questo punto è: i chilometri dei servizi extraurbani ed urbani previsti per la prossima gara per la BAT, sono numericamente aumentati, invariati o diminuiti rispetto alla situazione attuale?”

 

La consigliera cinquestelle rivolge poi la sua attenzione alla  situazione del Comune di Andria, interessato da una dichiarata condizione di predissesto che ha duramente colpito tanti servizi ai cittadini, tra i quali il trasporto scolastico.

Associandomi al capogruppo in M5S al Comune di Andria, Michele Coratella e a tutto il gruppo consiliare incalza Di Bari vorrei sapere risponde al vero che una trimestralita’ del contributo che la Regione da anni corrisponde al Comune di Andria, specificatamente per questo servizio, e’ finita nella “rete” dei pignoramenti che ormai incessantemente colpiscono le casse comunali? Inoltre, continueranno ad essere assicurate tutte le attuali linee oppure anche questo servizio sarà colpito dalla mannaia del predissesto. Di questi tempi, visto il disastro in cui il Comune è sprofondato, sembrerebbe una voluta amara ironia parlare di prospettive di ampliamento, cosa che invece sarebbe potuta  accadere se ci fosse stata un’amministrazione comunale più accorta. Purtroppo – conclude – nella situazione in cui ci troviamo, dobbiamo sperare di riuscire a mantenere quello che c’è  salvaguardando i cittadini e salvando i posti di lavoro”.