Adozioni, Laricchia: Dare nuova linfa al lavoro del Coordinamento Regionale

0

 

 

Per assicurare il coordinamento delle azioni, l’unitarietà e l’omogeneità degli interventi su base regionale relativi ai percorsi di adozione, nel 2009 la Giunta ha istituito il Coordinamento Regionale per l’Adozione (C.R.A.D.). La consigliera regionale del M5S Antonella Laricchia ha depositato una interrogazione rivolta agli assessori regionali al Welfare, Salvatore Ruggeri e Lavoro, Sebastiano Leo, per conoscere lo stato dei lavori del C.R.A.D., chiedere di far ripartire il tavolo, ripristinare un’omogeneità tra le varie équipe integrate e promuovere maggiore informazione e formazione.

.

“Posto che alla Regione spetta il compito – dichiara Antonella Laricchia (M5S) – di vigilanza sul funzionamento degli Enti e di promuovere la formazione degli operatori impegnati, chiediamo di conoscere: lo stato di attuazione del C.R.A.D, quali attività sta svolgendo e quali siano gli interventi programmati; se vi è omologazione, anche procedurale, nella valutazione dei servizi territoriali erogati e se la Regione abbia previsto o intenda prevedere specifici percorsi di aggiornamento per le figure professionali coinvolte. Proponiamo inoltre alla Giunta di prevedere altri strumenti, ad esempio  dei voucher, per promuovere la formazione degli operatori. È molto importante – prosegue – uniformare criteri e requisiti di accesso e di partecipazione al sistema dei servizi e degli interventi relativi all’adozione da parte delle coppie o famiglie adottanti oltre che guidare e seguire questi ultimi durante tutto l’iter per poter riconoscere il benessere dei bambini adottati come obiettivo primario e imprescindibile.”