Reddito di Cittadinanza. M5S: Il Governo mantiene le promesse e restituisce una speranza anche a migliaia di pugliesi.

0

“Il Reddito di Cittadinanza è finalmente realtà. Un risultato raggiunto in soli otto mesi di governo e un’altra promessa mantenuta che va ad aggiungersi alla legge spazzacorrotti, all’abolizione dei vitalizi, al taglio delle pensioni d’oro. Il Governo del Cambiamento, a differenza di quanto fatto da quelli che lo hanno preceduto, mantiene le promesse e finalmente il benessere dei cittadini e il lavoro tornano ad essere priorità.” lo dichiarano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Puglia dopo la presentazione di questa mattina a Roma della misura del Reddito di cittadinanza, da parte del ministro Di Maio e degli esponenti M5S di Governo e Parlamento.

 

“La Puglia – proseguono i cinquestelle – sarà la quinta regione per numero di nuclei familiari beneficiari con, secondo le proiezioni, oltre 200mila famiglie pugliesi che finalmente potranno guardare con fiducia al futuro. Grazie al Reddito di Cittadinanza attuiamo una riforma del mondo del lavoro che comprende anche la riqualificazione e il potenziamento dei Centri per l’Impiego, fondamentali per mettere in contatto domanda e offerta di lavoro. Contemporaneamente grazie alla pensione di cittadinanza restituiremo dignità a tutti quei pensionati che oggi vivono al di sotto della soglia di povertà, aumentando le pensioni minime per coloro che hanno i requisiti per accedere al reddito di cittadinanza. Ringraziamo – concludono – Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, il ministro Di Maio e tutti i portavoce e gli attivisti che con il lavoro di questi anni hanno permesso di trasformare in realtà una misura di cui siamo particolarmente orgogliosi perché restituirà una speranza a tanti cittadini in difficoltà e gli permetterà di reinserirsi nel mondo del lavoro. Per questo ci auguriamo che, a prescindere dai colori politici, questa possa essere una giornata di festa per tutti. Continueremo a lavorare perchè davvero in questo Paese e in questa regione nessuno debba più rimanere indietro.”