Home News Asl/Le. Delibera per la riorganizzazione dipartimentale. Trevisi: Doveva essere immediatamente esecutiva, ma manca ancora atto aziendale”
Asl/Le. Delibera per la riorganizzazione dipartimentale. Trevisi: Doveva essere immediatamente esecutiva, ma manca ancora atto aziendale”

Asl/Le. Delibera per la riorganizzazione dipartimentale. Trevisi: Doveva essere immediatamente esecutiva, ma manca ancora atto aziendale”

0

“Sono passati due anni dalla delibera con cui veniva approvata la nuova organizzazione dipartimentale della Asl di Lecce, e ancora non si conoscono i tempi in cui questo adempimento sarà portato a termine e le motivazioni per le quali, nonostante la dichiarata urgenza, si sia rimasti inerti per tutto questo lasso di tempo. Sappiamo che nel frattempo le cose sono cambiate, ma perché la Asl non ha dato seguito per tempo alla delibera e non  ha neppure emanato l’atto aziendale necessario a definire le regole di funzionamento della ASL e propedeutico alla organizzazione dei servizi? Un problema, quello della mancanza degli atti aziendali, purtroppo comune a tutte le Asl”.  Lo dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Antonio Trevisi che ha inviato una pec al direttore generale della Asl di Lecce per chiedere chiarimenti sulla mancata attivazione di quanto previsto dalla delibera n. 1926 del 2018 per l’approvazione della Nuova Organizzazione Dipartimentale ASL LE. 

 

La riorganizzazione dipartimentale prevista dalla delibera sulla base di una riorganizzazione di rete, affidava il governo di queste reti a dipartimenti di natura trasversale con l’adozione di protocolli, linee guida e procedure comuni. In questa ottica venivano definiti i Dipartimenti, le Strutture Complesse e le Strutture Semplici, approvando anche il Regolamento Generale della Organizzazione Dipartimentale della ASL. 

“Nel testo – continua Trevisi – si dichiarava che  il provvedimento fosse immediatamente esecutivo vista l’urgenza di dare attuazione alla nuova riorganizzazione. Peccato però che niente sia stato portato a termine.  Ho scritto alla Asl per  avere chiarimenti in merito e sollecitare  immediata della delibera. Chiedo anche di sapere i tempi per il completamento della riorganizzazione e  le motivazioni per cui non si sia andati avanti. Purtroppo l’ennesima mancanza nella sanità pugliese”.