Home News San Vito dei Normanni (Br), ex Base USAF. M5S: “Interrogazione in Senato per la riqualificazione green”
San Vito dei Normanni (Br), ex Base USAF. M5S: “Interrogazione in Senato per la riqualificazione green”

San Vito dei Normanni (Br), ex Base USAF. M5S: “Interrogazione in Senato per la riqualificazione green”

0

Insieme al collega Dino Mininno e di concerto con il consigliere comunale del MoVimento 5 Stelle Marco Ruggiero, ho depositato in Senato un’interrogazione al Ministro della difesa riguardo alla futura destinazione dell’ex Base USAF di San Vito dei Normanni. Una vasta area attrezzata, ora in stato di colpevole abbandono, che potrebbe essere riqualificata e riportata al servizio della comunità, come più volte evidenziato dallo stesso Marco”. A dichiararlo è il senatore M5S Iunio Valerio Romano, componente della Commissione Difesa a Palazzo Madama. 

 

Il tema della riqualificazione dell’ex Base USAF era già stato affrontato dal consigliere regionale Gianluca Bozzetti, in un tavolo con gli attori  interessati. 

 

Qualche anno fa ricorda Bozzetti in Regione ho riunito tutte le parti, compresi i comuni adiacenti a quello di San Vito dei Normanni, con l’intento di dare nuova vita alla storica struttura attraverso una molteplicità di futuri utilizzi. Purtroppo, come spesso accaduto negli ultimi 5 anni, l’opportunità non è stata colta dagli attuali amministratori regionali e comunali”.  

 

Nell’interrogazione è stato chiesto al Ministro ‘se e quali iniziative…intenda adottare, per quanto di competenza, in ordine alla riqualificazione dell’ex base USAF di Brindisi-San Vito dei Normanni e se vi siano le condizioni per valutare l’opportunità di una riconversione nei termini suggeriti, anche facendo ricorso all’utilizzo di fondi strutturali europei’. 

 

“La riconversione dell’ex Base USAF di San Vito dei Normanni dichiarano all’unisono Romano, Bozzetti e Ruggiero potrebbe, peraltro, rientrare nel progetto ‘Caserme Verdi’, in linea con l’attenzione nazionale e internazionale verso l’attuazione di green policy e con indiscutibile ricaduta sul tessuto economico e sociale del territorio contermine”.