Home Energia

Energia

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?
Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica slides [1.26 MB]

 

La Regione Puglia ha da sempre colto le opportunità offerte dalle fonti di energia rinnovabile, tanto che risulta una delle regioni in cui si registra un imponente apporto in termini di produzione di energia rinnovabile rispetto al contesto regionale e nazionale. La Puglia agisce meglio delle previsioni. 

La regione con la maggiore potenza installata è proprio la Puglia, con 2.523,3 MW, seguono Sicilia e Campania, rispettivamente con 1.892,5 MW e 1.443,2 MW. Alla fine del 2018 la Lombardia è la regione con il maggior numero di impianti installati. La Puglia si caratterizza, invece, per la maggior potenza installata (estensione degli impianti). Nel Mezzogiorno la prima regione con la più alta potenza installata di impianti FER è la Puglia (10,2% della potenza nazionale, seconda a livello nazionale). Al sud primeggia la Puglia (8,3%, terza regione italiana per produzione di energia da fonti rinnovabili).

Come vogliamo migliorare ancora le prestazioni della Puglia: 

  • promuovere l’autoconsumo e le comunità dell’energia rinnovabile, oltre che la massima regolazione e trasparenza del segmento della vendita
  • destinare risorse per la promozione dell’efficienza energetica come strumento per la tutela dell’ambiente e la riduzione della spesa energetica per famiglie e imprese.
  • incentivare l’utilizzo di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da FER a cominciare da quelli a servizio delle utenze domestiche, attraverso contributi a fondo perduto per l’acquisto e l’installazione di sistemi di accumulo.
  • dare concreta attuazione alla legge sul Catasto energetico degli edifici che è stata oggetto di continue proroghe.
  • programmare la messa al bando degli impianti alimentati a gasolio, anche tramite forme di incentivazione alla sostituzione.
  • attivare campagne di formazione e  informazione sulle opportunità offerta dalle misure di efficientamento energetico e dalla diffusione delle FER, soprattutto tra i giovani.
  • promuovere la ricerca per lo sviluppo di tecnologie che si adattino a ciò che offre il nostro territorio, attraverso la sottoscrizione di protocolli di intesa
  • indirizzare la produzione energetica verso un mix equilibrato per fonti rinnovabili e tipologie di impianti, anche ponendo un limite massimo alla realizzazione di impianti di grande taglia, in particolare su suolo agricolo
  • incentivare e favorire la delocalizzazione in aree industriali dismesse e in cave esaurite degli impianti situati in aree non idonee, al fine di favorirne la riconversione industriale, lo sviluppo economico e il riutilizzo (accordi di programma)

Cosa abbiamo già fatto in questi anni: 

  • Reddito Energetico Regionale, di cui accelereremo la predisposizione del regolamento per arrivare al più presto alla pubblicazione del primo bando, superando i ritardi
  • Le comunità energetiche, di cui vogliamo implementare un progetto pilota come modello di riferimento per arrivare a definire un disegno di disposizioni attuative tali da favorire la diffusione capillare
  • La mobilità sostenibile e condivisa, sostenere i comuni che, attraverso avvisi pubblici, attivano, anche in via sperimentale, il servizio di car sharing a spese degli operatori affidatari del servizio
  • Una proposta di legge di censimento e mappatura degli impianti


PARTECIPA!
Suggerisci modifiche e miglioramenti al programma:

* campo obbligatorio

Tipologia di files accettati: doc,docx,rtf,pdf,txt,gif,jpg,jpeg,png,zip,7z,rar.
Dimensione massima consentita dell'allegato: 20mb.